Convenzione METRO

Cash and Carry - Alimentari, Casa e Ufficio

C.so Savona, 97 Moncalieri (TO) pressi tangenziale

Questa è l’ultima opportunità, in ordine di tempo, da noi voluta e cercata per fornire strumenti sempre più vantaggiosi per tutti i nostri associati, in questo caso a grande vantaggio dell’economia domestica di ciascuno di noi. Si, perchè tutti noi andiamo a fare la spesa e tutti noi ci confrontiamo con un carrello della spesa sempre più oberato di costi costantemente in crescita, in un contesto sociale individuale sempre più problematico a causa dei costi familiari crescenti a dismisura in ogni direzione.

Checchè ne dica la voce della politica romana che ci vede economicamente "sani, forti e in ripresa", le nostre famiglie faticano sempre di più a quadrare i bilanci, e nuove fasce di indigenza si affacciano pericolosamente all’orizzonte. E’ alla luce di questa triste riflessione che ci siamo adoprati con il massimo impegno per ottimizzare questa opportunità, cercando di dare con questa convenzione, una opportunità per alleviare le situazioni di ciascuno, nel suo contesto familiare. Per poter acquistare in questi centri di distribuzione all’ingrosso, è sufficiente che il Socio, all’ingresso faccia vedere la tessera IPA in corso di validità, attendere che il personale verifichi da un apposito elenco la presenza del nominativo con il corrispondente nostro numero di tessera. A tutto il nostro elenco dei Soci piemontesi corrisponde un unico numero di tessera della Metro, che è quello che si deve comunicare poi al banconista che fa i conteggi di pagamento. Gli acquisti si pagano per contanti, bancomat o carte di credito. Le Certificazioni, la Qualità e Sicurezza sono valori importanti per METRO e decisivi per il tuo business. Per questo l’impegno di METRO è rivolto a garantire sempre, e in tutti i momenti della vendita, la massima qualità dei prodotti. La nostra professionalità è al tuo servizio, per aiutarti sia nelle certificazioni HACCP (Hazard Analysis and a Critical Control Point) basato sui principi del Codex Alimentarius, sia nella gestione della catena del freddo. Questi standard contemplano il sistema qualità, il controllo igienico sanitario, la gestione del personale ed in alcuni casi la differenziazione di livelli di qualità. Per i prodotti freschi la distribuzione impone con sempre maggior frequenza lo standard Eurep Gap che prevede la rintracciabilità fino al terreno coltivato, le tecniche della lotta integrata e l’equilibrio con l’ambiente. Secondo gli standard BRC e IFS, le certificazioni, sono oggi un requisito fondamentale per la distribuzione nei principali paesi europei. Direi che meglio di così per la borsa della nostra spesa familiare, non potremmo pretendere...